Museo Diocesano

Inaugurato nel 2001 dal Cardinale Carlo Maria Martini, a cui è stato poi intitolato nel 2017, il Museo è il punto di arrivo di un importante progetto a cui hanno dato il loro decisivo contributo alcune delle più grandi figure di Arcivescovi milanesi del Novecento. Le sue origini risalgono infatti ad una prima intuizione del Beato Ildefonso Schuster del 1931, poi ripresa nel 1960 dal Cardinal Montini che indica come sede del nuovo Museo i chiostri di Sant’Eustorgio, uno dei luoghi cardine per la storia del cristianesimo ambrosiano. Sarà infine del Cardinal Martini, negli anni Ottanta, il difficile compito di dare inizio ai lavori di ricostruzione dei chiostri, gravemente danneggiati dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, affidati allo studio Belgiojoso.

Il Museo Diocesano sorge nella cornice dei chiostri di Sant’Eustorgio, parte integrante di uno dei più antichi complessi monumentali di Milano, costituito dall’insieme unitario della basilica e del convento domenicano, fioriti nel corso dei secoli in un’area significativa per la storia del cristianesimo milanese. La collezione permanente è costituita da più di settecento opere comprese tra il IV ed il XXI secolo. Infine, intorno ad un primo nucleo di opere scultoree di Lucio Fontana, si sono accostate numerose opere del XX e XXI secolo, a dichiarazione di un crescente interesse del Museo per la contemporaneità.

 

DETTAGLI
Sito internet del museo - website
Piazza Sant’Eustorgio, 3 Corso di Porta Ticinese, 95, 20121 Milano
Museo segreto